Siete qui

Gli Omega3, tanti benefici e la riduzione dei trigliceridi

Benessere Femminile Les-aliments-riches-en-Omega-3 Gli Omega3, tanti benefici e la riduzione dei trigliceridi

Gli Omega3 sono grassi polinsaturi contenuti in numerosi alimenti e sono un alleato fondamentale per la nostra salute cardiovascolare.

Gli Omega3 vengono definiti essenziali perché non possono essere sintetizzati dal nostro corpo. Ciò significa che, anche considerando la loro utilità per il nostro organismo, dobbiamo per forza di cose andare a prenderli negli alimenti che mangiamo ogni giorno. Di più: dovremmo conoscere meglio gli Omega3 e gli alimenti in cui sono contenuti per inserirli quotidianamente nella nostra dieta.

Benessere Femminile salmone-affumicato-pesce-Fotolia_76313832_Subscription_Monthly_M Gli Omega3, tanti benefici e la riduzione dei trigliceridi

A cosa servono

Gli Omega3 servono a bilanciare la presenza del colesterolo LDL all’interno delle nostre vene e arterie, riducendo così i rischi cardiovascolari soprattutto negli anziani e in chi soffre a causa di un livello di colesterolo alto. Inoltre permettono al nostro cervello di operare al meglio e sono un potente amico della memoria. Ciò allontana il rischio della demenza senile e di una sua forma ancor più grave che è l’Alzheimer. Anche le gonadi possono giovare dei loro effetti, migliorando non solo la produzione di liquido seminale ma anche allontanando il rischio di tumore alla prostata. In particolare aiutano in caso di:

  • Arteriosclerosi e malattie cardiovascolari
  • Malattie infiammatorie: artrite reumatoide, morbo di Chron e colite ulcerosa
  • Dermatosi, dermatiti e psoriasi;
  • Problemi cognitivi, morbo di Alzheimer,  gravidanza e sviluppo neonatale, depressione e disturbi comportamentali.
  • Problemi al metabolismo osseo;
  • Altre patologie quali asma , diabete e cancro.

Da ciò si evince che gli Omega3 sono tanto importanti poiché possono essere utili a tutto l’organismo senza distinzione di apparato o organo.

Benessere Femminile noci Gli Omega3, tanti benefici e la riduzione dei trigliceridi

Da dove si assumono

Se quando abbiamo nominato gli Omega3 avete subito pensato alle noci avete fatto bene. Tuttavia, nella classifica dei cibi più ricchi di Omega3, le noci occupano solo il quinto posto. Vi presentiamo quindi qui una vera e propria classifica coi cibi che dovete mangiare se volete aumentare la vostra assunzione di questi particolari grassi polinsaturi:

  1. Semi di lino
  2. Semi di chia
  3. Salmone
  4. Olio di pesce
  5. Noci
  6. Semi di soia
  7. Uova
  8. Cavolfiore
  9. Olio di Canola
  10. Spinaci

Integrare o aumentare la proporzioni di questi alimenti all’interno della vostra dieta potrà migliorare sensibilmente la vostra salute anche senza che voi percepiate un drastico cambiamento. Di certo i valori del colesterolo ne gioveranno non poco.

Benessere Femminile semi-di-lino Gli Omega3, tanti benefici e la riduzione dei trigliceridi

I Trigliceridi

Gli Omega3 sono anche in grado di abbassare il livello e la quantità di trigliceridi all’interno del nostro sangue. Ad avere problemi con i trigliceridi sono le persone che fanno un uso continuo ed eccessivo di alcol, zuccheri semplici, le donne che usano la pillola anticoncezionale, i diabetici e i fumatori. Una dieta ricca in Omega-3 EPA e DHA ha un effetto importante sul metabolismo dei grassi, in quanto provoca una diminuzione dei trigliceridi sia a digiuno sia dopo i pasti. Questi dati sono stati confermati sia in volontari sani sia in chi era affetto da ipertrigliceridemia, una condizione patologica caratterizzata da un eccesso dei trigliceridi nel sangue. La dose minima necessaria di Omega-3 EPA e DHA per ottenere un effetto tangibile sui trigliceridi è di 1 grammo al giorno, la quantità che si assume con una dieta ricca di pesce grasso. Una comparazione tra vari studi clinici condotti sull’uomo ha permesso di trarre delle conclusioni ancora più precise. Il consumo di 3-4 grammi al giorno di EPA + DHA può determinare una riduzione dei trigliceridi ematici del 25-45%. Questo è confermato per soggetti con un alto livello di partenza di trigliceridi ematici, mentre la riduzione è meno significativa per i soggetti sani.

 

I contenuti presenti su questo articolo hanno carattere informativo e non si sostituiscono in nessun modo a valutazioni di medici, dietisti o nutrizionisti specializzati o a terapie in atto. Ricordate sempre prima di assumere medicinali o prodotti di consultare un medico e di leggere sempre il foglio illustrativo. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni inserite in questo articolo devono considerarsi di tipo culturale ed informativo.

Leggi anche

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.